Tutti gli articoli

SMARTPHONE E CERVELLO

Gli smartphone hanno il potenziale di influenzare una vasta gamma di domini cognitivi, ma la ricerca scientifica sulle conseguenze sul nostro cervello è ancora piuttosto limitata. Ciò è comprensibile considerando che la tecnologia è ancora relativamente giovane e in continua evoluzione. Tuttavia, con il passare degli anni, gli smartphone diventano sempre più onnipresenti nella nostra vita.

Se fino a qualche anno fa avevamo solo un telefono, oggi abbiamo un apparecchio con funzioni sempre più varie; ciò che non è cambiato è l’incapacità di prevedere un progresso tecnologico che appare sempre più repentino.

Diviene quindi fondamentale capire come la tecnologia ci influenza in modo da poter adottare le misure necessarie per attenuare le potenziali conseguenze negative.
Sebbene la ricerca relativa agli effetti degli smartphone sia in crescita, i risultati rimangono contraddittori e inconcludenti. Sappiamo davvero poco sugli effetti a breve e a lungo termine e nonostante manchi ancora della chiara letteratura scientifica, i titoli dei media incoraggiano la percezione pubblica a credere che i risultati siano conclusivi, che gli smartphone abbiano un impatto definito e negativo sul cervello. Emerge una visione comune secondo cui gli smartphone stanno soffocando la nostra creatività dato che privano la nostra mente dei tempi di inattività (Richtel, 2010). Tuttavia non esiste una ricerca che indaga le conseguenze mentali connesse al fatto di riempire le piccole pause quotidiane.

Ci sono infatti poche prove sulle conseguenze a lungo termine del frequente uso dello smartphone, ma è il momento di iniziare a raccogliere i dati. Un argomento particolarmente importante è l’effetto dell’utilizzo della tecnologia nei bambini piccoli.

Nonostante le varie raccomandazioni divulgate, sappiamo molto poco sull’età più appropriata per iniziare a far utilizzare uno smartphone a un bambino e sappiamo altrettanto poco sulle possibili conseguenze. Dovrebbe esserci uno studio longitudinale con un campione di grandi dimensioni in cui vengono valutati gli esiti cognitivi e affettivi nei più piccoli.

Dal momento in cui la popolazione umana è sempre più interconnessa con lo smartphone, sarà importante continuare a raccogliere informazioni per capire in che modo queste interazioni ci influenzano e come modellano le nostre vite. I modi di socializzare, di intraprendere una relazione, di ammirare la natura e molto altro, appaiono come una continua, repentina e imprevedibile trasformazione.

Dott.ssa Mariapia Ghedina – Psicologa

COMBATTERE LO STRESS LAVORATIVO

Al giorno d’oggi più che mai sembra che il nostro pianeta stia diventando un grandissimo pallone pieno di persone frustrate che corrono continuamente da un impegno all’altro, per assurdo alla ricerca di una vita migliore. Ciò avviene a causa della forte concorrenza che noi come individui affrontiamo in un mondo in rapida crescita.

Per contrastare questo immenso stress, è fondamentale mantenere un corretto equilibrio tra vita lavorativa e vita privata, tra doveri e piaceri; se ci si priva del divertimento si perde gran parte dello scopo della vita e si va inevitabilmente in contro a un calo dell’umore.

L’allarme lanciato dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) vede, entro il 2020, la depressione come la malattia più diffusa. Alcuni sintomi depressivi riguardano il non provare più piacere nelle attività svolte, la stanchezza, i pensieri negativi su di sé, sul mondo, sul futuro e cambiamenti del sonno. Questi sintomi portano inevitabilmente a una mancanza di produttività e di profitto. Una persona non entusiasta e non energica lavorerà meno, per questo motivo un percorso psicologico solitamente si ripaga da sé.

crm_customer_relationship_management.jpg

È molto importante mantenere l‘equilibrio tra piaceri e doveri per condurre una vita felice e raggiungere la longevità; infatti chi è felice vive più a lungo!

Lo sappiamo che più o meno per ogni individuo è indispensabile lavorare per vivere e che per fare carriera è necessario sforzarsi di più, ma così facendo alcune persone tendono a dimenticarsi di vivere. Tutto questo alla lunga provoca un grande danno alla salute psicofisica.

La pace sembra essere un lusso da avere, ma è possibile trovarla solo dentro di noi e non altrove.

Ci sono molti modi attraverso i quali è possibile conciliare gli sforzi con il divertimento: l’ideale sarebbe, in primo luogo, scegliere il lavoro che piace e creare delle buone relazioni con i colleghi.

Il lavoro occupa una grande fetta della nostra esistenza, per questo motivo è fondamentale creare un clima di benessere lavorativo. Una persona che ama il proprio lavoro si alza felice, lavora meglio, di più e torna a casa soddisfatta.

Ogni azienda, piccola o grande che sia, è formata innanzitutto da persone, con i propri valori, bisogni, motivazioni ed emozioni. Non possiamo pensare a noi stessi come separati dagli altri: tutto ciò che siamo, usiamo e facciamo ci connette in qualche modo a moltissimi altri esseri umani.

Esistono diverse strategie per combattere lo stress lavorativo e riguardano lo sviluppo di diverse abilità:

  • intelligenza sociale;
  • intelligenza emotiva;
  • comunicazione efficace;
  • stili di leadership;
  • time management;
  • processi di decision making;
  • tecniche efficaci di rilassamento.

Un’azienda vincente punta infatti a migliorare i rapporti interpersonali grazie anche a uno stile di leadership efficace che permette di eliminare la competizione interna in modo da diminuire di conseguenza la frustrazione che verrebbe trasmessa anche ai clienti. Viceversa, migliorando lo spirito di gruppo aumentano la cooperazione, la coesione interna, la motivazione e di conseguenza la qualità di vita.

 

 

Dott.ssa Mariapia Ghedina – Psicologa

CORSO DI MINDFUL FREERIDE

L’obiettivo della Mindfulfreeride è quello di migliorare la performance sportiva e soprattutto la qualità di vita.

51973070_1882538928524905_814706024186380288_n-1

Mindful Freeride non è solo immergersi nella neve fresca, ma in particolare immergersi nel presente grazie a un training per il potenziamento del benessere che amplifica tutte quelle magnifiche emozioni che il freeride regala.

La nostra mente è programmata per cambiare in risposta alle esperienze.

Durante il corso di MINDFULFREERIDE vengono dedicati due giorni ad apprendere e sperimentare diverse tecniche con efficacia scientifica per il potenziamento psicofisico.

  • Percezione e gestione del rischio
  • Potenziamento della performance sportiva
  • Realizzazione di sé
  • Gestione dello stress
  • Aumento della concentrazione
  • Miglioramento dell’umore

 I dati dimostrano che chi è felice, vive di più.

Il corso si articola in due giorni: il primo indoor e il secondo in mezzo alla natura.

Il primo giorno verrà dedicata qualche ora al benessere psicofisico e al potenziamento mentale;

il secondo giorno il gruppo, formato da un massimo di sei persone, verrà accompagnato da una guida alpina per un’esperienza innovativa sulla neve che unisce sport e psicologia.

Località: Cortina d’Ampezzo

Prenota subito al 342.199.9759

Mindfulfreeride@gmail.com

I 6 BENEFICI MENTALI DELL’ARRAMPICATA CHE UN GENITORE DOVREBBE CONOSCERE

unnamed

Nella scelta dell’attività sportiva da far praticare al proprio figlio, ci sono due variabili particolarmente importanti da tenere in considerazione: le sue caratteristiche individuali e i benefici delle possibili attività. L’arrampicata, per la sua specificità, ha il vantaggio di apportare ben 6 benefici mentali.

– Diminuisce i livelli di ansia

Sappiamo che la testa fa la differenza e che l’ansia purtroppo può essere il principale freno nell’arrampicata sportiva. Temere di cadere, credere di non farcela ad affrontare un passaggio o sentirsi osservati, possono essere tutti segnali d’ansia.

Molti bambini, esattamente come gli adulti, soffrono di un disturbo d’ansia, ma oltre ai cosiddetti “blocchi mentali” manifestano più sintomi somatici, quali mal di pancia o mal di testa.

Le cause di un disturbo d’ansia risiedono nei fattori genetici, nel temperamento della persona e in fattori ambientali quali lo stile educativo: infatti un genitore ansioso tende a insegnare a preoccuparsi in modo eccessivo. Se l’ansia viene trascurata, tende a crescere perché avviene una generalizzazione dei presunti pericoli imminenti. Che si tratti di un disturbo d’ansia specifico come l’aracnofobia e l’acrofobia (paura dell’altezza), o che riguardi un disturbo d’ansia generalizzato, tutto nasce da un piccolo elemento che poi ne può accomunare altri fino a diventare un grande “blocco”.

Quando un bambino evita ciò che teme, rafforza la propria convinzione sul fatto che vi sia effettivamente qualcosa da cui fuggire, per questo motivo sarebbe invece più opportuno che si mettesse in gioco gradualmente al fine di imparare a gestire l’ansia.

Arrampicare permette al bambino, che non ha le capacità di ragionamento inferenziali di un adulto, di affrontare a livello pratico le sfide anziché evitarle.

La gestione di un pericolo è un’attività che richiede un grosso impegno mentale, richiede di vivere pienamente nel presente, e questo funge da distrazione verso la preoccupazione per un pericolo futuro, permettendo quindi d’imparare a tollerare la tensione mentale. Più specificatamente, gestire la paura di cadere, avere il coraggio di salire più in alto e stare tranquilli perché si è assicurati, sono tutti processi cognitivi che coincidono con la gestione dell’ansia e quindi permettono di migliorare la qualità di vita.

– Allena la concentrazione

La concentrazione è la capacità di prestare attenzione a determinati stimoli scartandone altri.

In un’epoca sempre più colma di input, vengono richiesti grandi sforzi alla mente affinché possa avvenire un adeguato adattamento all’ambiente in cui si vive.

Dalle grandi città ai piccolo paesi, sembra che ormai quasi nessuno sfugga a un abuso di internet e a un’iperconnessione con il mondo circostante a discapito delle attività che richiedono un certo livello di concentrazione sostenuta.

L’arrampicata, in particolare quella indoor, non consiste nell’arrivare in cima, ma nel come ci si arriva, affrontando sé stessi per arrivare alla meta. Questo sport richiede pianificazione e una costante concentrazione, ed è così che si può allenare tale abilità mentale per poi sfruttarla anche in altri campi come lo studio.

– Aumenta il senso di responsabilità

Essere responsabili significa saper valutare le possibili conseguenze, ossia i rischi, gestendoli al meglio. L’area cerebrale deputata alla percezione del rischio è l’ultima a svilupparsi, ed è difficile infatti che sia completamente formata prima dei 23 anni, motivo in più per potenziare tale abilità nella giovane età. Il nostro cervello è infatti plasmabile e si modifica grazie all’apprendimento di determinate capacità; tale caratteristica mentale è definita “plasticità cerebrale”. Quando si dice che i bambini sono come una spugna è proprio perché la loro plasticità cerebrale è nettamente maggiore rispetto a quella di un adulto.

Arrampicare implica l’apprendimento di regole precise: la sicurezza infatti viene prima di tutto, dopodiché si può anche sbagliare un appiglio a 30 metri di altezza in quanto il rischio viene annullato tramite una corretta gestione della situazione. Ci sono sport che sottendono regole che si possono tralasciare, ma questo non è il caso dell’arrampicata in cui ai neofiti viene insegnato a rispettare rigidamente le regole della disciplina sportiva.

– Accresce l’intelligenza sociale

Il costrutto d’intelligenza è molto complesso perché non esiste un unico tipo d’intelligenza.

All’intelligenza sociale viene attribuito un grande valore, infatti riguarda la capacità di stare in gruppo, di condividere norme e valori, d’interagire nel modo più adeguato e costruttivo grazie anche a buone abilità di comunicazione e di empatia, ossia la capacità ci comprendere e accettare i punti di vista altrui.

È possibile sviluppare l’intelligenza sociale con l’arrampicata più che con molti altri sport poiché permette d’imparare a fidarsi di chi fa sicura, a condividere emozioni intense e, inoltre, a rispettare scrupolosamente le norme.

– Migliora le capacità di problem-solving

Possiamo affermare che questa è un’ottima notizia considerando che la vita è piena di problemi! …quindi se volete fare un bel regalo ai vostri figli, fate sì che arrivino preparati ad affrontarli.

Il problem-solving consiste nella scoperta e nel dominio di situazioni problematiche che, in generale, possono sviluppare le potenzialità e le sue abilità decisionali, di valutazione e di giudizio obiettivo.

Arrampicare significa risolvere dei problemi e trovare le soluzioni ricorrendo alle proprie risorse e, di conseguenza, incrementandole.

– Accresce l’autostima

Aumentare l’autostima nei bambini non è solo importante per renderli più forti, ma soprattutto perché questa dote correla positivamente con un buon umore.

Arrampicare permette al bambino di sviluppare il proprio senso di autoefficacia, ossia di sentirsi abile in ciò che fa e di provare il piacere della riuscita.

“È più facile costruire bambini forti che riparare uomini distrutti.” (F. Douglass)

 

Dott.ssa Mariapia Ghedina – Psicologa

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑