BIOFEEDBACK

Il biofeedback viene utilizzato per raggiungere vari obiettivi tra cui: migliorare la concentrazione e la qualità del sonno, per ridurre i sintomi dell’ansia e per trattare le fobie come, ad esempio, quella che si manifesta con il marcato disagio a parlare in pubblico.

Mente e corpo: un legame indissolubile
Il biofeedback consiste in dei sensori non invasivi che captano indici psicofisiologici, ossia del corpo e della mente, quali la frequenza cardiaca, la frequenza respiratoria e la sudorazione, tecnicamente definita “conduttanza cutanea”, proiettando un grafico del proprio funzionamento sullo schermo del computer. L’ansia infatti si riflette sul corpo aumentando tutti i parametri sopra riportati: la frequenza cardiaca, quella respiratoria e la sudorazione.

Con il solo “potere della mente”, diventa possibile migliorare il proprio funzionamento, sia fisico, sia mentale.

Ad esempio, grazie a dei veri e propri videogiochi che faccio utilizzare si può aumentare la propria concentrazione. Ciò avviene senza l’uso dei tasti, ma grazie agli appositi sensori, o meglio, con il potere della mente!

Chi può beneficiare maggiormente del biofeedback?

Chi soffre di ansia,

chi ha fobie specifiche,

chi ha il deficit d’attenzione e iperattività (ADHD).

chi desidera migliorare la propria performance sportiva.

PRENOTA UNA SEDUTA DI BIOFEEDBACK AL 342.199.9759