PSICOLOGIA DELLO SPORT

Per un atleta la forza mentale gioca un ruolo addirittura del 80%.

Da anni seguo atleti in diverse discipline, da chi pratica vari sport estremi, a sciatori, ciclisti, runner ecc.

Ho potuto osservare che i blocchi mentali presenti nello sport sono gli stessi che, una volta eliminati, possono permettere di vivere la vita secondo le proprie potenzilità. Il percorso in psicologia dello sport ha l’obiettivo infatti di accrescere le proprie risorse personali.

La nostra mente può farci vincere o perdere, nello sport come nella vita.

La mia passione per la psicologia è nata proprio nel contesto sportivo 20 anni fa, quando ero atleta di snowboard freestyle e avevo compreso il ruolo chiave della forza mentale. Arrivata a vincere gare a livello europeo ero sempre più consapevole di come sia la nostra mente a giocare un ruolo cruciale.

Decisi così di svolgere un percorso decennale di studi scientifici al fine di poter seguire a 360º persone di tutte le età che desiderano migliorare la propria performance sportiva.

Perché dovrei rivolgermi a uno psicologo?

La parola “psicologo” o “psicoterapeuta” potrebbe essere associata al concetto di etichetta, invece si tratta di una figura con una formazione sufficientemente completa per prendere in carico una persona nella sua intera complessità. Un atleta è molto di più della sua performance: ha debolezze, credenze, paure, sogni e blocchi mentali esattamente come tantissimi altri essere umani.

La psicologia dello sport si occupa di migliorare i processi cognitivi, emotivi e comportamentali connessi alle prestazioni degli atleti e delle squadre nel contesto sportivo.

Grazie alle esperienze passate, gli studi decennali tra psicologia e psicoterapia oltre ai corsi di Choaching e Mental Training, punto a portare gli atleti a dare il massimo divertendosi perché in fondo lo sport altro non è che un gioco per grandi.

Per gli sportivi è fondamentale gestire i propri pensieri, riconoscere e modulare le proprie emozioni, soprattutto nel momento della gara, per togliere i “blocchi mentali” e sviluppare, al contrario, una grande capacità di concentrazione sulla performance sportiva che si sta praticando.

PERCORSO DI POTENZIAMENTO MENTALE PER ATLETI

Grazie a questo percorso di potenziamento mentale si acquisiranno delle strategie utili per vincere e applicabili anche a contesti al di fuori di quelli sportivi.

Un percorso psicologico non significa “essere deboli”, bensì “crescita personale”; tutti infatti abbiamo un certo grado di miglioramento e ciò che risiede nella nostra mene può trasformarsi in realtà, per questo è così importante sviluppare la forza mentale assieme a quella fisica.

La maggior parte degli atleti, essendo spesso in giro, li seguo tramite skype che risulta essere alquanto efficace; come dimostrato dagli studi scientifici, l’ipnosi funziona addirittura meglio grazie a questo canale che permette la persona di rilassarsi comodamente nella propria stanza e indossare auricolari che migliorano la qualità della comunicazione.

PERCORSI FORMATIVI PER GLI ALLENATORI

I percorsi formativi per allenatori più brevi sono articolati in 5 incontri distribuiti approssimativamente in 3 mesi.

LA RESPONSABILITA’ DI ESSERE ALLENATORE

Un atleta non è un esecutore, bensì ha bisogno della massima autonomia per poter fronteggiare tutte le sfide che si presenteranno nello sport.

L’allenatore svolge un ruolo centrale di guida e di sostegno, aiutando gli atleti ad affrontare le principali sfide connesse sia all’attività sportiva che al percorso di crescita in generale. Egli rappresenta un punto di riferimento per lo sportivo, quindi è fondamentale che possieda una buona preparazione, non solo tecnica, ma anche teorica e pratica.

Vuoi sapere qual’è il percorso più adatto a te? Chiama il 342.199.9759